patente-c

Che cos’è la patente C e per quali mezzi è valida? Vediamo insieme quali step bisogna seguire per conseguirla.

La patente C è quel documento che ci consente di guidare mezzi pesanti. Per mezzi pesanti si intendono i camion e tutti i veicoli adibiti al trasporto di cose in conto proprio.
Conseguire la patente C non è molto semplice; sono previste infatti delle prove che sono più difficili rispetto a quelle che si devono sostenere per la patente B.
Inoltre, al fine di accedere alle prove d’esame previste per ottenere la patente C dovranno essere soddisfatti determinati requisiti senza i quali non è possibile conseguire il documento di guida.
Vediamo quali sono i suddetti requisiti, quali prove bisognerà superare, quali veicoli si possono guidare e a quanto ammontano i costi per conseguire la patente C.
Per quali veicoli è necessaria?
Tra le patenti professionali quella di tipo C è sicuramente una delle più richieste. Questa infatti abilita il conducente alla guida di mezzi pesanti, quali:
* veicoli destinati al trasporto di merci per una massa di carico complessiva che è superiore a 3,5 t, in aggiunta a rimorchio leggero che non deve superare i 750 kg (da 18 a 20 anni);
* veicoli di massa complessiva inferiore a 7.5 tonnellate (dai 21 anni in poi);
* macchine operatrici eccezionali, stradali o da cantiere (es. escavatori, pale, carrelli elevatori e autogru). Per le macchine operatrici che non sono da ritenersi eccezionali basta la patente B, ovvero quella che è necessaria per guidare le autovetture;
* veicoli circolano su strade e autostrade, regolarmente immatricolati e riconoscibili da un targa gialla con numeri rossi.
Oltre a queste categorie di veicolo con la patente C è possibile guidare anche alcune macchine operatrici industriali tra cui:
* gli escavatori su gomma che abbiano un peso superiore alle 18 tonnellate;
* i rulli compressori, anche questi con un peso che deve essere superiore alle 18 tonnellate;
* i dumper da cava o anche da cantiere;
* le livellatrici (grader) che abbiano un peso superiore alle 25 tonnellate;
* le frese per asfalto.
Come anticipato, per prendere la patente C ci sono dei requisiti da soddisfare e delle prove da superare; vediamo quali sono.
Requisiti
La patente C consente di guidare i mezzi pesanti tra cui camion e i veicoli adibiti al trasporto di cose. Si tratta di veicoli molto difficili da portare ecco perché per poter prendere la patente C è necessario soddisfare alcuni requisiti senza i quali non è possibile accedere alle prove di esame tra cui:
* aver compiuto 18 anni di età;
* essere in possesso della patente B;
* esibire la certificazione medica che attesti di essere in possesso delle condizioni fisiche (ottime capacità visive e uditive) e tecniche (verifica dei tempi di reazione agli stimoli semplici e anche a quelli complessi, così come definiti dalla normativa vigente), idonee alla guida di un mezzo pesante.
Prove d’esame

Se si è in possesso dei suddetti requisiti si potrà procedere all’iscrizione alle prove d’esame per conseguire la patente C.
È prevista una prova teorica orale che attesti le nozioni, i segnali, e tutta la disciplina del Codice della Strada ed un esame di guida pratica che dimostri la capacità e la competenza manuale nel guidare i veicoli pesanti.
Una volta superate queste due prove verrà rilasciata la patente C. Nel momento in cui avviene il rilascio, la patente C sarà valida per 5 anni fino al compimento di 65 anni. Superata questa età la patente dovrà essere rinnovata ogni 2 anni.

Costi

I costi per la patente C variano a seconda che questa sia conseguita in autoscuola o presso la motorizzazione.
Ovviamente per chi decide di rivolgersi alla motorizzazione i prezzi saranno più bassi. Per conseguire la patente C da privatista basterà presentare la domanda di iscrizione presso la motorizzazione così da poter accedere all’esame teorico.
Per svolgere l’esame pratico però bisognerà comunque rivolgersi ad una autoscuola in quanto vige l’obbligo di utilizzare un veicolo con doppi comandi.
Il costo totale della patente C conseguita presso la motorizzazione sarà quindi di 350/400 euro comprensivo delle spese mediche e del costo per l’esame teorico e pratico.
Se si vuole conseguire la patente C presso una autoscuola invece i prezzi aumenteranno sensibilmente viste le lezioni teoriche e le guide pratiche comprese nel prezzo. Il costo varia in base all’autoscuola, ma in genere questo è compreso tra i 600 e gli 800 euro.

Articoli correlati


Warning: mysql_real_escape_string() expects parameter 1 to be string, array given in /web/htdocs/www.autoscuolamarchetti.info/home/wp-includes/wp-db.php on line 880
patente-9869

Revoca della patente: al massimo per 3 anni

Nel periodo deve rientrare la sospensione cautelare, che oggi veniva sommata. FATTA CHIAREZZA - Il Tribunale di Torino ha stabilito che la revoca della patente, la punizione più severa nel caso di infrazioni al volante, non può superare in alcun caso i 3 anni, nei quali deve rientrare anche la sospensione cautelare in attesa di giudizio. Finora infatti la pena massima di 3 anni “scattava” alla fine del procedimento in Tribunale previsto nei casi di revoca della patente, decisa quando sono violate norme del Codice della Strada con rilevanza penale, come la guida in stato di ebbrezza o in contromano. Il guidatore […]

(continua a leggere)
rinnovo

RINNOVO PATENTE DI GUIDA 2019: COSTI, DOCUMENTI E SCADENZE

La normativa sul rinnovo della patente di guida è in continua evoluzione, con nuove casistiche e procedure che cambiano nel corso dei mesi. In questa guida, valida per il 2019 e costantemente aggiornata faremo chiarezza dando una risposta ai quesiti più comuni quali durata e scadenze delle varie tipologie di patente, i documenti da portare alla visita per il rinnovo, l’abolizione del tagliando, i costi da sostenere presso Aci, scuola guida o Asl, le sanzioni per chi guida con patente scaduta.  Cercheremo di rispondere anche ad alcune casistiche particolari che possono creare dubbi nel processo di rinnovo, per esempio i requisiti visivi, il […]

(continua a leggere)
rossi

Patente: in Italia oltre 6 milioni di bocciati

Secondo uno studio, sui 35 milioni di patentati fra 18 e 74 anni quasi 3,5 milioni hanno dovuto ripetere il test pratico e 2,9 milioni quello teorico. Patente: in Italia oltre 6 milioni di bocciati IN TANTI AL SECONDO TENTATIVO – È l’esame pratico la “bestia nera” degli italiani al momento di conseguire la patente di guida, se è vero che 3.460.000 di loro hanno dovuto ripetere una seconda volta il test al volante per ottenere la licenza. Lo dice una ricerca effettuata dall’istituito mUp Research per conto del sito internet Facile.it, sulla base di 1.018 automobilisti di età compresa […]

(continua a leggere)