punti-patente-default

Quanti punti sulla patente perdo per una multa?

 

Chi perde tutti i punti è obbligato a conseguire nuovamente la patente

Quando prendiamo una multa il primo pensiero va ai soldi che dovremo sborsare per pagarla. Se però commettiamo infrazioni gravi è prevista anche la decurtazione dei punti dalla patente. Quanti? Dipende da cosa abbiamo fatto, poiché c’è differenza fra parcheggiare in divieto di sosta e transitare in città a 150 km/h.

Nel caso dovessimo perdere tutti i punti siamo obbligati a tornare a scuola guida per conseguire nuovamente la patente. Non sempre però la multa è accompagnata dalla decurtazione dei punti. Vediamo quali sono le multe più gravi e quanti punti vengono tolti ogni volta dalla nostra patente.

 

Patente a punti, come recuperare i punti persi

Con la patente a punti si hanno in dotazione 20 punti, che però possono aumentare (fino a un massimo di 30) se per due anni consecutivi il punteggio rimane inalterato.

Per quanto riguarda la decurtazione, chi commette più infrazioni in una volta sola può perdere al massimo 15 punti, purché un’infrazione non comporti la sospensione o la revoca della patente. Tuttavia, chi ha perso punti in passato ma non ne perde per due anni consecutivi ritorna nuovamente ad avere 20 punti.

I punti persi possono essere recuperati anche attraverso i corsi di aggiornamento, la cui frequenza permette di riacquistare 6 punti (9 per chi ha il certificato di abilitazione professionale e la patente B, C, C+E, D, D+E) al termine di un esame.

Come detto all’inizio, la perdita totale dei punti obbliga il titolare a conseguire nuovamente la patente di guida. Ma quest’obbligo esiste anche chi, dopo aver commesso una prima violazione con decurtazione di almeno 5 punti, commette (nell’arco di 12 mesi dalla data della prima violazione) altre due violazioni non contestuali che comportano ciascuna la decurtazione di almeno 5 punti.

 

Le multe con perdita di punti

Tutte le combinazioni infrazioni/punti decurtati sono regolate da una tabella allegata all’art. 126-bis del Codice della strada. Invitiamo pertanto gli automobilisti a consultarla (è disponibile online) per visionare l’elenco completo delle violazioni con decurtazione di punti.

Di seguito riportiamo alcune infrazioni che, se commesse, tolgono dei punti dalla nostra patente (i punti riportati qui sotto raddoppiano se le violazioni vengono commesse entro i primi 3 anni dal rilascio della patente).

Es. violazioni con -10 punti sulla patente.

  • superare i limiti di velocità di oltre 60 km/h;
  • guidare contromano in curva, sui dossi, con limitata visibilità o su strada divisa in carreggiate separate;
  • sorpassare veicoli fermi ai semafori, ai passaggi a livello o incolonnati;
  • sorpassare tram o filobus fermi;
  • sorpassare un veicolo che sta a sua volta già sorpassando;
  • guidare contromano in autostrada o sulle strade extraurbane principali;
  • fare retromarcia in autostrada;
  • guidare ubriachi o sotto l’effetto di droghe;
  • darsi alla fuga dopo un incidente con gravi danni a persone/veicoli causato dal proprio comportamento;

Es. violazioni con -8 punti sulla patente.

  • non dare precedenza ai pedoni;
  • non aver rispettato la distanza di sicurezza in caso di incidente con lesioni gravi;
  • fare inversione in corrispondenza di incroci, curve o dossi;

Es. violazioni con -6 punti sulla patente.

  • non fermarsi allo stop;
  • passare col semaforo rosso;
  • superare i limiti di velocità di oltre 40 km/h, ma non di oltre 60 km/h;

Es. violazioni con -5 punti sulla patente.

  • violare gli obblighi relativi alla precedenza;
  • non rispettare le regole di sorpasso;
  • non allacciare le cinture;

Es. violazioni con -4 punti sulla patente.

  • guidare contromano (non in curva);
  • non occupare la corsia più libera a destra sulle strade con carreggiata a due o più corsie;
  • guidare in autostrada con carico disordinato, non assicurato o suscettibile di dispersione;

Es. violazioni con -3 punti sulla patente.

  • superare i limiti di velocità di oltre 10 km/h e di non oltre i 40 km/h;
  • mancato accertamento delle condizioni per effettuare il sorpasso;
  • usare i fari abbaglianti in condizioni vietate;
  • mancato rispetto degli obblighi verso funzionari, ufficiali e agenti;

Es. violazioni con -2 punti sulla patente.

  • non rispettare la segnaletica, ad eccezione dei segnali di divieto di sosta e di fermata;
  • sostare nelle corsie riservate al transito di autobus o veicoli su rotaia;
  • sostare o fermarsi negli spazi riservati a veicoli per persone invalide o in corrispondenza di rampe, scivoli o corridoi di transito;
  • sostare negli spazi riservati ad autobus o taxi;
  • non usare il triangolo e/o i dispositivi di protezione rifrangenti individuali in caso di veicolo fermo sulla carreggiata fuori dei centri abitati;
  • trainare veicoli in avaria senza adeguata segnalazione o violando le altre prescrizioni;
  • trasportare persone in sovrannumero sulle auto;
  • lasciare in sosta i veicoli sulle autostrade o sulle aree di servizio o di parcheggio

Es. violazioni con -1 punto sulla patente.

  • non usare i dispositivi di illuminazione o segnalazione visiva quando è prescritto;
  • usare impropriamente i fari;
  • non avere ampia libertà di movimento nelle manovre, trasportare persone in sovrannumero e trasporto irregolare di persone, animale e oggetti;

 

 

di Niccolò Dolce

credits www.motorionline.com

 

 

 

Articoli correlati


Warning: mysql_real_escape_string() expects parameter 1 to be string, array given in /web/htdocs/www.autoscuolamarchetti.info/home/wp-includes/wp-db.php on line 880
patente-9869

Revoca della patente: al massimo per 3 anni

Nel periodo deve rientrare la sospensione cautelare, che oggi veniva sommata. FATTA CHIAREZZA - Il Tribunale di Torino ha stabilito che la revoca della patente, la punizione più severa nel caso di infrazioni al volante, non può superare in alcun caso i 3 anni, nei quali deve rientrare anche la sospensione cautelare in attesa di giudizio. Finora infatti la pena massima di 3 anni “scattava” alla fine del procedimento in Tribunale previsto nei casi di revoca della patente, decisa quando sono violate norme del Codice della Strada con rilevanza penale, come la guida in stato di ebbrezza o in contromano. Il guidatore […]

(continua a leggere)
patente-c

Che cos’è la patente C e per quali mezzi è valida? Vediamo insieme quali step bisogna seguire per conseguirla.

La patente C è quel documento che ci consente di guidare mezzi pesanti. Per mezzi pesanti si intendono i camion e tutti i veicoli adibiti al trasporto di cose in conto proprio. Conseguire la patente C non è molto semplice; sono previste infatti delle prove che sono più difficili rispetto a quelle che si devono sostenere per la patente B. Inoltre, al fine di accedere alle prove d’esame previste per ottenere la patente C dovranno essere soddisfatti determinati requisiti senza i quali non è possibile conseguire il documento di guida. Vediamo quali sono i suddetti requisiti, quali prove bisognerà superare, […]

(continua a leggere)
rinnovo

RINNOVO PATENTE DI GUIDA 2019: COSTI, DOCUMENTI E SCADENZE

La normativa sul rinnovo della patente di guida è in continua evoluzione, con nuove casistiche e procedure che cambiano nel corso dei mesi. In questa guida, valida per il 2019 e costantemente aggiornata faremo chiarezza dando una risposta ai quesiti più comuni quali durata e scadenze delle varie tipologie di patente, i documenti da portare alla visita per il rinnovo, l’abolizione del tagliando, i costi da sostenere presso Aci, scuola guida o Asl, le sanzioni per chi guida con patente scaduta.  Cercheremo di rispondere anche ad alcune casistiche particolari che possono creare dubbi nel processo di rinnovo, per esempio i requisiti visivi, il […]

(continua a leggere)